La Toscana è indubbiamente una delle regioni più visitate ed apprezzate del nostro Belpaese.

Meta irrinunciabile per gli appassionati d’arte, di storia e di tradizioni enogastronomiche, ad attrarre oltremisura stranieri ed italiani è soprattutto il fascino delle sue città d’arte, senza ovviamente tralasciare i suoi piccoli borghi, le ville coloniche immerse tra lunghi filari di cipressi, e quelle dolci colline punteggiate da vigneti dai quali originano alcuni dei vini più noti ed amati del mondo.

Terra dalla bellezza incontrastata e di una ricchezza smisurata, spesso visitata in più step e in viaggi distinti proprio per la grande quantità di meraviglie offerte, è però possibile, con una buona pianificazione a monte, gustarla a pieno anche in una manciata di giorni.

Vacanze Toscane vuole per questo proporvi un itinerario che in sole 5 giornate vi permetterà di scoprire le principali città d’arte di questa strepitosa terra, e farlo attraverso un tour che, tenendo conto delle brevi distanze e della comodità e rapidità degli spostamenti, consentirà non solo di vivere una vacanza intensa ma anche rilassata, rendendo esperienza piena e preziosa anche il viaggio stesso.

Pisa, Lucca, Firenze e Siena si trovano infatti tra loro relativamente vicine, e sia che ci si muova con i mezzi pubblici sia che si usufruisca di un mezzo proprio gli spostamenti non porteranno via troppo tempo alla vostra gita, consentendovi oltretutto di esplorare con lo sguardo, dal finestrino di auto, treni o bus, la meraviglia autentica della campagna toscana che vi circonderà e avvolgerà sulla strada della vostra meta.

Prima tappa: Pisa.

Impossibile visitare la Toscana e non fermarsi in questa città, che nonostante le modeste dimensioni ha avuto un ruolo decisamente centrale nella storia non solo locale ma anche italiana, specie quando, Repubblica Marinara insieme ad Amalfi, Genova e Venezia, dominò le rotte commerciali del Mediterraneo.

Pisa è servita dall’aeroporto Galileo Galilei, divenuto ormai uno dei principali aeroporti italiani anche grazie alle compagnie Low Cost che ogni giorno e a prezzi contenuti offrono decine di voli nazionali ed internazionali. Dotato di una stazione ferroviaria propria, l’aeroporto pisano consente a chi arriva con l’aereo di raggiungere in soli cinque minuti di treno (ma anche di bus o auto) il centro città, servito invece dalla stazione di Pisa Centrale che, nodo ferroviario di importanza nazionale, permette ai propri passeggeri di immergersi immediatamente nel vivo della città storica.

Pisa è raggiungibile, da altre città toscane, anche con autobus e pullman gestiti dalla società Lazzi, con collegamenti da e per Firenze, Lucca, Prato, Pistoia, Massa Carrara, Volterra, Livorno e altri centri.

Chi giunge in auto potrà invece percorrere l’autostrada A12 (Sestri Levante-Livorno) o la A11 (Pisa-Firenze), ma anche la SS67 (da e per Firenze) e la SS1, ovvero l’Aurelia (Roma-La Spezia).

Centro di indubbio fascino, dedicheremo un solo giorno alla scoperta di Pisa, ma ci sono tappe che certo non possono mancare.

Senza dubbio irrinunciabile è una visita a Piazza dei Miracoli, spazio di rara bellezza che, dichiarato patrimonio dell’Umanità Unesco sin dal 1987, comprende nel suo perimetro oltre che la nota Torre pendente anche la bellissima Cattedrale di Santa Maria Assunta, il Battistero di San Giovanni e il Camposanto Monumentale.

Piazza dei Miracoli è considerata, con la sua disarmante maestosità, una delle più belle piazze al mondo, e se l’ingresso ai monumenti è a pagamento, anche solo dall’esterno essa è capace di regalare forti e rare emozioni. Consigliamo pertanto di godersi una passeggiata tra le sue architetture, e di sedersi a terra aprendo bene gli occhi davanti a tanta bellezza, giocando anche, inclinando il capo, alla ricerca di nuove prospettive.

Qualora alla vostra curiosità non bastasse la stramba pendenza del più noto campanile della città, sappiate che a Pisa ne potrete ammirare anche altri due con la stessa caratteristica: il campanile della chiesa di San Nicola, inclinato di circa 2.5 gradi, e quello della chiesa di San Michele degli Scalzi, con ben 5 gradi di pendenza. Per raggiungere le due architetture finirete peraltro, inevitabilmente, in uno dei quartieri più suggestivi e più amati della città, ovvero Borgo stretto (dai pisani detto semplicemente “Borgo”), una tappa pressoché obbligata e molto apprezzata da turisti quanto dai pisani più veraci,

Altra piazza e altro fulcro pisano da non perdere è Piazza dei Cavalieri, in fama e bellezza seconda solo a quella dei Miracoli e un tempo cuore pulsante della vita comunale dell’antica città. Ancora oggi vi si trovano la chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri, il Palazzo della Carovana e cinque delle vecchie “7 strade” che la attraversavano. Spicca poi, inglobata nel Palazzo dell’Orologio, ciò che resta dell’antica Torre della Muda (successivamente detta “della Fame”), dove si dice venne rinchiuso il conte Ugolino della Gherardesca di memoria dantesca, che secondo la leggenda condannato a morire di stenti insieme a figli e nipoti sopraffatto dalla fame si cibò della sua progenie.

Prima di lasciare Pisa suggeriamo di non perdetevi i Lungarni, spettacolari di giorno ma imperdibili al tramonto! Gustatevi una passeggiata sulle rive del fiume annaffiate dai colori caldi e avvolgenti di fine giornata, e giungete fino al Lungarno Mediceo salutando il sole davanti alle antiche dimore signorili della città di Palazzo Medici e Palazzo Toscanelli.

Altro giorno, altra tappa: Lucca!

Lucca si trova a circa 20 km da Pisa, ed è quindi facilmente raggiungibile in auto (autostrada A11), in autobus o in treno.

La sua stazione ferroviaria si trova vicino alle mura storiche che circondano la città, famose in tutto il mondo per essere interamente percorribili e offrire una vista panoramica mozzafiato sulla stessa, mettendone a nudo la labirintica struttura interna fatta di stradine strette e lastricate, negozi di antiquariato e gastronomie di ogni tipo, all’ombra di una grande quantità di verde.

Ribattezzata “città dalle cento chiese”, inutile dire che Lucca non può essere visitata in un solo giorno, ma può bastare per assaggiarne l’essenza, intravederne le bellezze artistiche e farsi venire la voglia di tornare a scoprirne anche gli aspetti più nascosti e misteriosi.

Ricca di edifici religiosi di rara bellezza architettonica e artistica, consigliamo di concentrarvi sul Duomo (ove sono peraltro conservate opere d’arte di inestimabile valore come il monumento funebre a Ilaria del Carretto di Jacopo della Quercia), sulla Basilica di San Frediano e sulla chiesa di San Michele che, nell’omonima piazza, incrocia peraltro la via più nota di Lucca, il cosiddetto Fillungo (ove risiedono tutti i negozi più importanti e conosciuti…ideale qualora siate in vena di shopping!)

Dal Fillungo si arriva un po’ ovunque nel centro storico, e una bella passeggiata vi farà ammirare i punti più graziosi della città e quelle tappe che non potete assolutamente perdervi, come piazza dell’Anfiteatro. Autentico gioiello lucchese di impianto romano, qui sorgeva il vecchio foro, ed è proprio sulla struttura originaria di forma ellittica tipica degli anfiteatri romani che è stata costruita l’attuale piazza e gli edifici che la circondano, mantenendone forma e struttura. Qui si affacciano caratteristici ristorantini e negozietti dall’autentico sapore lucchese, e vi hanno luogo, in particolare d’estate, eventi, manifestazioni e concerti.

Uscendo dall’Anfiteatro potrete andare a vedere anche la vicina Torre Guinigi, che nonostante svetti sopra gli edifici del centro non sempre appare visibile da ogni angolo, nascosta com’è tra le strette ed anguste stradine e storici edifici che ancora ospitano antichi negozi d’arti e mestieri tradizionali. Se non avete abbastanza tempo potete evitare di salire fino in cima della Torre, ma sappiate che il giardino pensile (voluto dalla famiglia Guinigi come simbolo della rinascita della città sotto il loro controllo) merita moltissimo!

E ora lasciamo Lucca e andiamo alla volta della nostra terza meta: Firenze.

Partendo da Lucca in auto impiegherete circa 1 ora e 15 minuti per raggiungerla servendovi dell’autostrada A11.

Una visita a Firenze richiede certo molto più tempo, ma se i giorni a disposizione sono solo 2 ci sono cose che assolutamente non dovete perdervi! Bisogna comunque tener conto che le dimensioni ristrette della città, davvero a misura d’uomo, consentiranno di poter vedere moltissime cose anche in questo lasso di tempo ristretto…sempre che non preferiate perdervi tra le bellezze di qualche museo!

Se dalla stazione Santa Maria Novella prendete, ad esempio, via dei Panzani, proseguendo poi su via de’ Cerretani, arriverete dritti dritti in Piazza Duomo, dove oltre alla Cattedrale potrete ammirare il Battistero e il famoso Campanile di Giotto. Se da qui percorrete poi via de’ Calzaiuoli in un attimo arriverete a Piazza della Signoria, dove si trova la Galleria degli Uffizi, e raggiungendo le sponde dell’Arno potrete oltrepassare Ponte Vecchio e arrivare a Palazzo Pitti, oppure, costeggiando Palazzo Vecchio e seguendo Borgo de’ Greci, immergervi nella magia del quartiere artigiano di Santa Croce, con la sua bellissima e  omonima chiesa.

Visitare Firenze, d’altronde, implica necessariamente visitare anche i numerosi atelier di stilisti e abili artigiani del cuoio. Per questo motivo suggeriamo di perdervi tra le stradine dell’Oltrarno, quelle di San Lorenzo e nei dintorni di Via Tornabuoni, quartiere fiorentino dell’alta moda.

Dopo aver fatto una full immersion di due giorni a Firenze, potremo ora lasciarla e dirigerci verso Siena.

Siena si trova nel cuore della Toscana, in una posizione centrale ma fuori dalle grandi vie di comunicazione. Essa non ha un’uscita autostradale diretta ma è comunque ben collegata con statali e raccordi, quindi facilmente raggiungibile da ogni direzione. Da Firenze, grazie alla Firenze-Siena, la strada sarà brevissima, una mezzora circa, e godremo peraltro di paesaggi straordinari per arrivarci!

Se si preferiscono i mezzi pubblici, da Firenze partono anche autobus diretti per la città, oppure il treno. Bisogna tener conto che la Stazione di Siena rimane fuori dai grandi circuiti ferroviari nazionali, ma da Firenze il viaggio è diretto e veloce, e giunti a destinazione vi troverete a circa 2 km dal centro storico, comodamente raggiungibile a piedi o con gli autobus n.3, 8, 10, 17 e 77.

Come per Firenze, il tempo è troppo scarso per godere di questo gioiello nella sua interezza, ma anche a Siena le esigue dimensioni della città vi permetteranno di riempire avidamente i vostri occhi di bellezza anche in poche ore.

In un giorno soltanto, ciò che consigliamo è soprattutto di passeggiare tra i vicoli, ponendo al centro del vostro girovagare la splendida e curiosa Piazza del Campo, dove potrete ammirare il Palazzo Pubblico e salire sulla nota Torre del Mangia, conquistandovi una vista sulla città senza eguali. Non può poi mancare una visita a Duomo e Battistero, oltre che alla bellissima Santa Maria della Scala. Se vi avanza tempo passate anche a dare un occhio alle chiese di San Francesco e di Santa Caterina,e non rinunciate ad una camminata sulle mura della Fortezza Medicea.

I nostri cinque giorni toscani, fatti di toccate e fughe e fugaci stimoli, sono terminati. Con le pupille piene di forme e colori, le orecchie inondate di suoni e rumori e le narici cariche di profumi, accendiamo il motore o abbandoniamo la banchina, pronti sì a fare rientro ma con una sola, unica promessa a noi stessi: in Toscana torneremo e presto!

 

Silvia Formenti

Vacanze Toscane – Visit and love Tuscany